Cornici in polistirolo: la leggerezza del fascino e dell’eleganza

cornici polistirolo esterno

Tutti noi abbiamo abbastanza chiara in mente l’immagine di antiche ville e manieri medievali le cui pareti erano abbellite da affreschi ed arazzi, oltre che ad essere contornate da rosoni e cornici. I rosoni però, oltre ad una funzione prettamente estetica, erano utili per evitare che le fiamme delle candele bruciassero o danneggiassero il soffitto.

Un altro esempio più vicino a noi senza andare troppo indietro nel tempo è sicuramente costituito dalle case dei nostri nonni, magari meno moderne, ma di sicuro eleganti e tradizionali.

Queste case spesso avevano al loro interno, oltre ai rosoni sopra a dei grandi lampadari, anche delle eleganti cornici bianche e bassorilievi che contornavano ed univano tra loro gli angoli delle pareti.

In tale modo anche un semplice muro poteva trasmettere un’idea di nobiltà ed eleganza grazie a queste decorazioni spesso a motivi floreali. Anche oggi possiamo replicare tale effetto, il vintage va molto di moda ultimamente ma possiamo anche renderlo più moderno, in maniera rapida, economica e soprattutto personalizzabile. Come fare dunque? Con le cornici in polistirolo!

I vantaggi delle cornici in polistirolo

Innanzitutto si riesce a replicare il fasto e l’eleganza di queste soluzioni decorative spendendo veramente poco e con tempi di lavorazione inferiori rispetto ad una volta. Prima, infatti, era molto più utilizzato il gesso che veniva opportunamente dipinto con vernici spezzo preziose. Bello e d’impatto, ma purtroppo molto pesante e fragile oltre che difficile da installare.

cornici polistirolo interno

I costi quindi salivano non poco. Con i moderni materiali plastici ed in polistirene però, tali limitazioni ormai sono solo un lontano ricordo. Rosoni e cornici in polistirolo sono veramente leggeri, resistenti e soprattutto facili da sagomare, installare e togliere.

In questo modo è più facile abbellire una stanza oppure “nascondere” anche dei lievi difetti come piccole crepe oppure cavi in vista nel caso dei lampadari. I modelli poi sono tantissimi tra i quali scegliere, in particolar modo sono tornati di moda i motivi floreali, e variano dalle versioni sagomate a quelle lisce fino a quelle ovali e quadrate al posto del classico cerchio.

Come installare una cornice in polistirolo

Prima di tutto bisogna munirsi degli attrezzi del mestiere come metro, sega a lama rigida, squadra, stucco, colla, vernice e prodotti appositi. Dopo esservi preparati prendete le misure del muro che abbiamo intenzione di abbellire e correggere eventuali bozze o crepe con dello stucco per livellare la parete.

Naturalmente prima di procedere con l’installazione della cornice in polistirolo bisognerà aspettare che si asciughi. Una volta fatto questo bisogna carteggiare e pulire la parete per poi applicarvi sopra la colla oppure la pasta epossidica.

Dopodiché bisogna partire dal lato e continuare premendo opportunamente e, nel caso di cornici veramente grandi, fissatele bene con dei resistenti chiodi in inox.

Usate poi il saldante tra i vari punti delle cornici e rimuovete il materiale in eccesso con una spugna oppure uno straccio inumidito. Aspettate poi i giusti tempi di asciugatura tra l’applicazione di un materiale e l’altro perciò attenzione alle etichette dei prodotti!

Se poi volete dare un tocco più personale allora è consigliatissimo il set Tagliapolistirolo della Kemper con il quale potrete modellare le strutture in polistirolo con l’apposito archetto.

Loading...