Cucina bianca: la più amata oggi

cucina bianca

La cucina bianca è un must che tutti vogliono oggi perché si tratta di una proposta che fa apparire lo spazio più luminoso e ampio. Una cucina off white dà anche l’impressione che sia tutto più pulito e asettico, nonostante le macchie risaltino di più. Sta bene con tutto e si declina in ogni stile, dal classico al moderno.

Le caratteristiche della cucina bianca

La cucina bianca non tramonta mai si rinnova con il passare delle stagioni in base alle mode del momento. Oggi spesso si vedono cucine bianche caratterizzate da superfici lisce e pensili privi di maniglie. È al soluzione che meglio si addice con per la cucina vista giorno tipica degli open space. Oggi la finitura bianca è possibile sia sui pannelli simil legno come quelli in laminato ma anche su quelli in inox, alluminio e vetro poiché basta dare una mano di vernice. Chi desidera rinnovare la cucina datata e fuori moda, potrebbe prendere in considerazione l’idea di rimuovere i pensili e mandarli a verniciare. Basta poi cambiare i pomelli alle ante e il gioco è fatto: con dei semplici tocchi la cucina acquista tutto un nuovo aspetto.

Chi è alla ricerca di un tocco di colore in più perché il total white pensa sia eccessivo, ricordi che una cucina non è composta solo dai pensili ma ci sono tanti altri dettagli che possono dare colore. Per esempio, oggi tanti scelgono un piano di lavoro a contrasto grigio scuro o addirittura nero. Anche effetto legno non è male. Altri punti di colore si possono dare tramite i tessili della cucina come tovaglia e tende.

I rivestimenti di una cucina bianca

Come anticipato prima, ci sono tanti modi per dare un tocco di colore in una cucina dove predomina il bianco. L’ideale è spezzare con i rivestimenti, cioè le piastrelle del paraschizzi dietro ai fornelli. La cucina spesso è rivestita di piastrelle per assicurare maggiore pulizia e basta scegliere con cura per dare vivacità in più. oggi si usano molto le piastrelle decorate tipo azulejos portoghesi o soluzioni più variopinte addirittura. Potrebbe esser divertente usare piastrelle diverse e alternarle. Si usano molto anche piastrelle di forma esagonale per i rivestimenti della cucina bianca.

Sono molto adatte anche le resine idrorepellenti che proteggono il muro dall’umidità e dallo sporco. Se la cucina è bianca, si può scegliere una tinta diversa di un colore vivace. Per esempio, il giallo si usa molto nelle cucine perché energizzante e solare.

Come scegliere i colori

Dopo ver parlato su come dare un tocco di colore e quali elementi possono avere una tinta diversa dal bianco, vediamo come scegliere i colori. Se la cucina è piccola, sarebbe opportuno puntare sull’uniformità delle nuance accostando al bianco altri colori tenui e simili come i grigi. L’atra possibile tecnica per scegliere i colori da aggiungere in una cucina bianca è andare a contrasto.

Loading...